Home Procedure per: DOC. 05 Manuale di informazione per cittadini ucraini che risiedono in italia o hanno intenzione di visitare questo paese
"Attenzione, il contenuto di queste schede è solo indicativo e potrebbe non essere aggiornato."
DOC. 05 Manuale di informazione per cittadini ucraini che risiedono in italia o hanno intenzione di visitare questo paese PDF Stampa E-mail

            Rispettabili connazionali,
L’esperienza lavorativa al Consolato dell’ Ambasciata Ucraina in Italia permette di affermare che, i cittadini ucraini, risiedendo in Italia o partendo per questo Paese, potrebbero evitare tante scomodità o problemi, in caso fossero in possesso dell’ informazione, che abbiamo ritenuto indispensabile proporre  alla Vostra attenzione.
Quindi, Vi invitiamo a visionare attentamente quanto di seguito esposto e Vi preghiamo di non sottovalutare queste indicazioni dell’Italia che potrebbero sembrare superflue ma in  determinate situazioni Vi potrebbero essere d’ aiuto.
L’Italia è situata nell’Europa meridionale sulla penisola Appenninica; è bagnata dai mari: Mediterraneo, Ligure, Tirreno, Ionio e Adriatico. Le isole dell’Italia sono: Sardegna, Sicilia e tante altre piccole isole.
 La superficie dell’Italia è di 301 302 kmq. Il Paese è suddiviso in 20 Regioni (enti autonomi con propri statuti). Inoltre sul territorio italiano si trovano due Stati: la Repubblica di San Marino e lo Stato del Vaticano. La capitale d'Italia è Roma (2,7 milione di ab.), le altre grandi città sono Milano (1,3 milione di ab.), Napoli (1,1 milione di ab.), Torino (1,1 milione di ab.), Palermo (694 mila ab.), Firenze(393 milaq ab.), Bari(339 mila ab.).
Unità monetaria 1 €uro = 100 €urocentesimi
Festa Nazionale – Giorno di Proclamazione della Repubblica (1946)– si festeggia ogni anno il 2 giugno. 
Lingua Ufficiale – italiano. Nella capitale e nelle grandi città  si possono anche parlare inglese o francese, mentre nelle regioni confinanti con l’Austria – in tedesco.
Clima - mediterraneo: le Alpi racchiudono la penisola Appenninica e fanno da barriera contro i venti freddi, mentre i mari, che circondano il Paese, portano il caldo e l’umidità. I mesi più caldi sono luglio, agosto. Le temperature più alte si osservano nelle Regioni del Centro-Sud d’Italia e ciò necessita precauzioni per anziani e bambini. L’inverno è abbastanza mite con la temperatura media di +8°C. Tuttavia, a causa della forte umidità anche con le temperature al di sopra di 0°C si soffre il freddo.
Alcuni Regioni del Centro-Sud d’Italia costituiscono una delle zone più pericolose della penisola, in quanto più soggette a scosse sismiche ed eruzioni (vulcani attivi: Vesuvio, Etna e Stromboli).
Nel caso in cui Voi doveste trovarvi in una di queste situazioni, chiamate i Vostri parenti in Ucraina per informarli dell'accaduto e delle vostre condizioni. Se la linea telefonica con l’Ucraina è temporaneamente assente, telefonate all’Ufficio consolare dell’ Ambasciata Ucraina in Italia (Roma) oppure al Consolato Generale Ucraino (Milano) con la richiesta di trasmettere l’informazione su di Voi ai parenti o conoscenti.
L’Italia – è il Paese del visto. Per entrare nel territorio italiano è necessario ottenere in Ucraina il Visto presso l’Ambasciata di questo Stato (Kyiv, via Yaroslaviv Val, 32 B) oppure presso l’Ambasciata di altri Stati membri del trattato di Schengen. Prima di partire per l’Italia Vi consigliamo di controllare la scadenza del visto, nonché al numero di uscite permesse e il termine massimo della Vostra permanenza in Italia. Inoltre, bisogna tener conto, che durante gli 8 giorni dall’ingresso in Italia è necessario registrarsi presso la Questura del luogo di temporanea residenza.
Quindi, ricordate, che il termine della Vostra permanenza in Italia è indicata nel visto, e la violazione del regime del visto renderà impossibile il Vostro prossimo viaggio all’estero per alcuni anni.
Non provate mai, e per nessun motivo, ad oltrepassare i confini di Stato italiano o altri Stati facenti parte del trattato di Schengen illegalmente o con i documenti contraffatti. Ricordate – questo è un reato, che verrà punito secondo la legislazione vigente. Per la violazione del regime di visto la legislazione italiana prevede severi sanzioni partendo dal mandato di deportazione o espulsione forzata dal Paese, sino all’arresto o perfino la carcerazione.
Stando in Italia i cittadini ucraini sono tenuti a rispettare la legislazione di questo paese. Ignorare la legge del posto non li esonera dalla responsabilità in caso di violazione. Il Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina in nessun caso condivide la  responsabilità per il reato commesso dal cittadino ucraino o  per la trasgressione di legge commessa dallo stesso.
Ricordate, che anche arrivando in Italia legalmente, correte il rischio di commettere illegalità nei casi seguenti:
- Vi siete trattenuti in Italia più del termine indicato nel visto;
- Siete rimasti in Italia per lavorare, senza aver ricevuto il corrispondente permesso.
Il permesso per l’assunzione al lavoro in Italia viene concesso solo mediante il permesso di soggiorno per i motivi di lavoro, rilasciato dalla Questura con la chiara indicazione del motivo e del termine di permanenza dello straniero sul territorio nazionale italiano. Dato documento è contemporaneamente valido anche come permesso di soggiorno, e la carta d’identità.
Per il momento l’Ucraina non fa parte della lista dei paesi per i cui cittadini è prevista una quota annuale per l’assunzione in Italia. Perciò, riflettete attentamente sulla convenienza dell’arrivo in Italia con lo scopo di essere assunti in questo paese.
La criminalità in Italia non suscita grande preoccupazione. Però è necessario stare sempre  attenti ed essere prudenti soprattutto negli aeroporti, nelle stazioni, nei musei,e sui mezzi di trasporto pubblico e altri posti dove di solito c’e’ la presenza di molti turisti.
In Italia sono molto frequenti i furti di oggetti personali dalle macchine. Non si consiglia di lasciare la macchina senza la sorveglianza durante le brevi fermate vicino agli autogrill e ai camping.
Nel centro muoversi con la macchina adeguatamente con le porte bloccate e finestre ben chiuse.
Se Vi capita di rimanere vittima di un reato, immediatamente rivolgeteVi al più vicino distretto di polizia. Il tel. della polizia di Stato – 113, carabinieri – 112.
In Italia Vi assisteranno:
Ufficio consolare dell’Ambasciata Ucraina in Italia
00141  Roma,  via Monte Pramagiore, 13
Tel. (06) 82002823,
fax (06) 82004143
e-mail gс Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo
 Con qualsiasi domanda, da chiarire, Vi proponiamo di recarvi di persona, telefonare, rivolgersi per iscritto, via e-mail o fax. Per ottenere una risposta più immediata indicate il fax o il Vostro numero di tel. (mobile o fisso), sul quale potreste ricevere l’informazione.
Il Distretto consolare dell’Ambasciata ucraina in Italia comprende la parte Centro-Sud del paese (a partire dalle Regioni - Toscana, Marche e proseguendo verso Sud).
L’Italia del Nord (Piemonte, Liguria, Lombardia, Frulli-Venezia-Giulia, Veneto, Val D’Aosta, Trentino-Alto Adige, Emilia-Romagna) forma il Distretto consolare del Consolato Generale Ucraino a Milano, che si trova all’indirizzo:

Consolato Generale Ucraino a Milano
20123   Milano, via Privata Maria Teresa, 8
Tel. (02) 869-95-789, (02) 869-98-814,
fax (02) 869-84-863
e-mail gс Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo
Per la gratuita consultazione e assistenza giuridico consolare, i cittadini ucraini possono anche rivolgersi agli onorifici Consolati Ucraini:
a Napoli, via Roma, 106, tel. (+081) 19 57 75 88  fax (+081) 52 34 959;
a Firenze, via Belfiore, 40, tel. (+055) 35 55 55, fax (+055) 35 50 40;
a Malta, tel. (+356) 21 24 20 07  fax (+356) 21 24 18 71 E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo
In caso di necessità di tutela dei Vostri diritti e interessi patrimoniali all’estero, soprattutto in Italia Vi consigliamo di rivolgersi per l’assistenza giuridica al:
Collegio ucraino giuridico straniero
("Ukrinyurkolehiya")
Indirizzo postale:
Kyiv, via Zolotovorits’ka, 2а
 
Tel.:
(044) 234-52-08
(044) 246-53-91
 
Fax:
(044) 229-28-35
(044) 229-85-22

Unione degli avvocati specializzata in affari esteri
"Ukrains’ka pravnycha kolehiya"
Indirizzo postale:
01025, Kyiv-25, c/p 134
 
Теl.:
(380 44) 229-20-35
(380 44) 229-43-40
(380 44) 229-75-90
 
Fax:
(38 044) 228-77-55
 
E-mail:
upk@ukrnet.mailto:upk@ukrnet.netnet
 
 Web-indirizzo:
www.ula.com.http://www.ula.com.ua/ua
 

Ufficio legale  "Pravovyj Radnyk"
Indirizzo postale:
L’viv,  Piazza Yavorivs’koho, 1
 
Теl.:
(0322) 74-42-65
 
fax:
(0322) 72-66-51
Indirizzo postale:
Kyiv, via Popudrenko, 26/9, 51
 
Теl.:
(044) 552-61-35
 
E-mail:
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo .mailto: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot, abilitare Javascript per vederlo .netnet
 
Web-indirizzo:
http://www.lviv.ua/radnykhttp://www.lviv.ua/radnyk//
__________________________________________________________________
 Consigli utili:
I cittadini ucraini, che sono arrivati in Italia per un periodo di tre o più mesi e legalmente si trovano sul suo territorio, possono iscriversi nel registro provvisorio consolare presso l’Ufficio consolare dell’ Ambasciata Ucraina in Italia (Roma) o Consolato Generale Ucraino (Milano). L’iscrizione nel registro dei connazionali, che stanno provvisoriamente all’estero, viene eseguita gratuitamente dagli Enti consolari dell’ Ucraina. Se il cittadino ucraino è iscritto nel registro consolare, è possibile, in caso di necessità, contattarlo più velocemente, concedere l’aiuto, nonché riferire l’informazione su di lui ai parenti e conoscenti. Inoltre, Vi informiamo, che secondo la legislazione ucraina “Cittadinanza Ucraina” dal 18.01.01 non è obbligatorio da parte dei cittadini ucraini iscriversi nel registro consolare, e pertanto non è prevista la responsabilità di non iscrizione nel tale registro.
Stando in Italia, non date mai e a nessuno il Vostro passaporto; tenetelo sempre con Voi, preferibilmente non in borsa, ma in una tasca interna. In caso di smarrimento o confisca del passaporto rivolgeteVi immediatamente all’Ufficio consolare dell’ Ambasciata Ucraina in Italia(Roma) o al Consolato Generale dell’Ucraina (Milano), dove è possibile ottenere il certificato per il ritorno in Ucraina.
Prima di partire per l’Italia fateVi la copia dei Vostri documenti. Una copia completa lasciatela a casa, l’altra – portatela con Voi e conservatela tra le cose personali. Questo aiuterà la polizia ad  identificare la Vostra identità e faciliterà la procedura di legalizzazione del certificato per il ritorno in Ucraina presso l’Ufficio consolare in caso di smarrimento/furto/rovina del Vostro passaporto.
Prima di partire per l’estero portate con voi anche una copia completa del Vostro passaporto autenticata da un notaio. Dopo l’arrivo in Italia si consiglia di iscriversi nel registro consolare provvisorio presso l’Ufficio consolare dell’ Ambasciata Ucraina in Italia (Roma) o Consolato Generale Ucraino a Milano. Tale registrazione aiuterà a ritrovarVi nel caso in cui Vi cercassero urgentemente i Vostri familiari in Ucraina, per trasmetterVi qualsiasi messaggio o per aiutarVi in casi straordinari nel paese di permanenza (terremoto, incendio etc.)
AssicurateVi, che in Ucraina vi sia una persona, che per la ragione di mandato con rappresentanza da Voi conferito prima di partire all’’estero, possa rappresentare i Vostri interessi; chiaramente indicate nel mandato l’estensione della sua delega, cioè le azioni, che potrà compiere a Vostro nome.
Decidete con chi o meno resteranno i Vostri figli al momento della Vostra permanenza in Italia; dove loro abiteranno nel periodo della Vostra assenza. Se i figli non rimangono con il padre, è necessario nominare un tutore. Lasciate al padre o al tutore il certificato di nascita del bambino, libretto sanitario, documenti, che confermano il diritto del minore di abitare nel concreto appartamento o palazzo (copia di certificato del diritto di proprietà, mandato, elenco di residenza).  
Stando in Italia, tenete con Voi il numero di tel. dell’ Ambasciata Ucraina, e del suo Ufficio consolare di Roma o Consolato Generale di Milano.
AbituateVi a telefonare sempre ai Vostri familiari nel tempo accordato quasi come fosse un dovere.
Prima di partire all’estero, lasciate ai Vostri parenti o vicini in Ucraina:
 Copia del passaporto, visto ed eventuale contratto con il datore di lavoro;
Vostra recente foto;
Indirizzo e il num. di telefono del luogo dove intendete fermarVi in Italia;
Indirizzo, tel./fax del datore di lavoro.
Ricordate, che in Italia è grave il problema della prostituzione. Per non rimanere vittima di sex-business e dei gruppi criminali evitate di credere ai falsi annunci sui giornali, offerte sospettose o troppo attraenti circa l’assunzione al lavoro da parte di gente o agenzie sconosciute etc. Se Voi siete stati vittime di prostituzione comunicatelo all’Ambasciata Ucraina di Roma o Consolato Generale Ucraino di Milano. Vi consigliamo anche di telefonare al numero verde 800 290 290 (disponibile gratuitamente 24h su 24h, operatori parlanti anche il russo). Alle donne, che hanno telefonato al numero indicato o hanno direttamente denunciato alla polizia l’informazione sullo sfruttatore di donne, l’Italia viene in aiuto nell’ambito dei rispettivi programmi sociali, nonché con il permesso di soggiorno per 6 mesi con la possibilità di prolungarlo ancora per altri 6 mesi, durante i quali c’è la possibilità di ottenere la nuova professione e trovare un lavoro. 
In Italia è permessa la libera importazione (esente da dazio) di 200 sigarette o 50 sigari, 1 litro di superalcolici, 50 ml di profumo.
In Italia nei ristoranti e caffè-bar si usa dare la mancia (10% di tot. somma da pagare), senza tener conto del generalmente diffuso complesso dei prezzi, i quali includono il pagamento di tutti servizi. Anche ai taxisti si dà la mancia (10% di tot. somma da pagare). Negli alberghi (hotel) si usa lasciare la mancia alle cameriere e al capocameriere solo una volta – prima di partire.
 E’ consigliabile conservare nella cassaforte della stanza d’albergo o dal portinaio soldi, oggetti preziosi, passaporto e bigliettiaerei. L’amministrazione dell’albergo non è responsabile degl oggetti preziosi non depositati nella cassaforte (dell’albergo).
La configurazione di alcune prese elettriche negli alberghi non è conforme a quella nazionale. Tuttavia è possibile comprare un adattatore per il vostro apparecchio elettronico al negozio.
Al momento del cambio di valuta presso l’ufficio cambi o reparti bancari rivolgete la Vostra attenzione non solo sul tasso di cambio , ma anche alla percentuale, che si applica al cambio. Di regola, questa percentuale o non è indicata da nessuna parte oppure è indicata con le lettere piccole, perciò, per ogni evenienza, Vi consigliamo di farvela precisare dal cassiere. L’orario lavorativo delle banche italiane, è di regola dalle 9 00 alle 16 00 con l’intervallo di due ore per il pranzo.  
Serve tener conto che le bevande al bar della Vostra stanza d’albergo non rientrano nel prezzo della stessa. Per il loro consumo è necessario pagare a parte. Lo stesso vale per l’uso del telefono. Perciò sono a pagamento non soltanto le telefonate internazionali e interurbane, ma anche quelle urbane.
Quando acquistate i biglietti per il treno riferite l’età dei Vostri figli. Il sistema degli sconti sulle ferrovie italiane è molto vario, perciò usufruendolo, è possibile risparmiare. In generale, il mezzo più comodo per spostarsi in Italia è proprio il treno. Acquistando il biglietto alla cassa non dimenticate di timbrarlo con l’apposito dispositivo automatico prima di entrare nel treno.
Se volete usufruire del servizio-taxi, bisogna trovare la sua fermata. E’ poco probabile prendere il taxi con l’autostop. Del resto, è possibile chiamare il taxi per telefono.
Il passaggio col trasporto pubblico si paga con i biglietti, che devono essere timbrati a bordo dell’ autobus, tram o del metrò. I biglietti bisogna acquistarli in anticipo al tabaccaio o alle casse del sottopassaggio. Il biglietto è valido per 75 minuti dalla obliterazione e dà il diritto al multipassaggio (con i possibili trasporti) nel trasporto pubblico; (solamente il biglietto della metropolitana è ad uso singolo). L’uso del trasporto pubblico senza il biglietto prevede la sanzione di 50 euro se si paga immediatamente oppure di 100 euro pagando tramite posta, in caso di impossibilità a pagare subito al controllore sul posto.
Ad ogni modo consigliamo di mantenere un corretto comportamento durante la visita dei luoghi di culto. È vietato entrare in chiesa con pantaloncini (neanche per gli uomini) o con gonne corte, nonché con le spalle scoperte.
A Roma il bagno nelle fontane è severamente punito. Agli amatori del “ rinfresco ” in tale modo spetta la sanzione di 516,5 euro.
In caso di necessità, per ottenere urgentemente aiuto dal pronto soccorso, bisogna chiamare il 118.  
I numeri telefonici dellе istituzioni mediche di turno e delle farmacie aperte di notte e nei giorni festivi ogni giorno sono stampate su una bacheca. Inoltre tali informazioni sono disponibili anche presso l’Ufficio di polizia.
La maggior parte dei parcheggi per l’auto in Italia sono a pagamento. Non è assolutamente consigliato parcheggiare la macchina in doppia fila e sulle strisce pedonali, nonché negli altri luoghi ove è vietato il parcheggio ( la macchina può essere rimorchiata e multata; e sarà restituita solo dopo l’intero pagamento della multa e delle spese per il suo trasporto e parcheggio sul parco macchine rimorchiate).
Attraversate la strada solo nei posti indicati (strisce pedonali) e quando il semaforo è verde, assicurandovi che gli autisti si siano fermati. In Italia può succedere che gli autisti si muovano comunque quando il semaforo è rosso. Acquistando qualcosa in posti con tanti turisti, ricontate attentamente il resto perché qualche volta i titolari delle piccole botteghe non rendono gli spiccioli al cliente-straniero.


Ufficio consolare dell’Ambasciata Ucraina in Italia